Seguici su twitter  
Seguici su facebook

Nidi

Le graduatorie definitive

L'assessore Moioli: “Anche quest’anno garantiremo un posto a tutti”
Milano, 2 luglio 2010 – “Sono 6.972 le nuove domande presentate quest’anno dalle famiglie per un posto al nido; 4.400 i bambini confermati dagli anni precedenti. Un totale di 11.372 richieste che contiamo di soddisfare entro la fine dell’anno". Con queste cifre l’assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali Mariolina Moioli ha illustrato le graduatorie definitive dei Nidi dell’Infanzia del Comune di Milano, pubblicate da oggi sul portale del comune di Milano e nelle sedi dei servizi.

“I bambini che risultano in lista d’attesa sono ad oggi 1.388, a fronte dei 2.305 dello scorso anno ai quali, comunque, è stato offerto un posto – ha spiegato l’assessore -. Per l’anno 2010/11 sono stati messi a disposizione delle famiglie 721 posti in più rispetto al 2009/10, grazie all’apertura di tre nuovi nidi (via Sordello, via Medardo Rosso, quartiere Santa Giulia, per un totale di 216 bambini), la migliore razionalizzazione dei posti esistenti e l’acquisto di ulteriori posti nei Nidi privati accreditati. Sono poco meno di 2.500 i bambini stranieri ai quali è stato assegnato un posto, un dato praticamente invariato rispetto allo scorso anno".

I 10.312 posti complessivi messi a disposizione dal Comune sono così suddivisi:

5.755 posti nelle strutture comunali
667 nelle Sezioni Primavera
1.659 nei Nidi comunali accreditati
2.231 nei Nidi privati accreditati.

“A disposizione ci sono ancora 328 posti – ha reso noto Moioli - non assegnati perché non coincidono con le richieste delle famiglie. Quelle in lista d’attesa possono verificare se tra i posti disponibili ve ne sia uno che possa soddisfare le proprie esigenze e comunicarlo all’Ufficio preposto. Ad ogni modo, a fronte delle rinunce, gli uffici effettuano continue nuove assegnazioni fino all’esaurimento della lista d’attesa". Come ormai avviene da anni, la situazione andrà definendosi già nel mese di settembre, quando i bambini saranno accolti nei nidi. “Da sempre –conclude l’assessore – il numero dei bambini che frequentano realmente è di gran lunga inferiore a quello degli iscritti".



  Non si prevedono aggiornamenti alla notizia
 
Note legali e privacy | Credits inizio pagina