Sport. Riapre la piscina Cozzi

Terminati i lavori di ristrutturazione. Terzi: “A Milano tariffe vantaggiose”

Giovanni Terzi - Sport e Tempo Libero

22/10/2008



Dopo circa un anno, riapre a Milano la storica piscina Cozzi. L’impianto natatorio di viale Tunisia 35 è stato restituito alla città dopo i lavori di ristrutturazione che hanno consentito la messa in sicurezza e la riqualificazione di alcune parti della struttura.

Quella che si è appena conclusa è solo la prima fase dei lavori di riqualificazione dell’impianto. Per la seconda, verrà predisposto un progetto complessivo già inserito nel piano di investimenti di Milanosport.

“La riapertura della Cozzi – ha detto l’assessore allo Sport e Tempo libero Giovanni Terzi – è un segno tangibile dell’impegno dell’Amministrazione comunale e di Milanosport nei confronti dei milanesi e delle loro richieste. Adeguata in termini di sicurezza e resa più accogliente grazie a numerosi interventi, la piscina Cozzi rientra nelle priorità del nuovo contratto di servizio siglato con Milanosport che prevede per i prossimi anni importanti migliorie nelle strutture sportive comunali”.

Nel piano triennale di ricapitalizzazione di Milanosport - che complessivamente ammonta a 30 milioni di euro - per il solo 2009 sono previsti interventi sui seguenti impianti: Cardellino, Sant’Abbondio, Murat, Cantù, XXV Aprile, Solari e l’avviamento dei lavori di durata pluriennale alla Cambini.

“Milano – ha aggiunto Terzi - si distingue nel panorama sportivo italiano per le tariffe più basse. Basti pensare ai 4 euro che si spendono da noi per l’ingresso nelle piscine comunali contro i 5, 6, ma anche 8 delle altre città”.

Diversi sono stati gli interventi completati in questa prima fase di ristrutturazione della Cozzi. Dal ripristino della sicurezza delle vasche e dei soffitti delle tribune, alla ristrutturazione degli spogliatoi che ha consentito di rendere più funzionali gli spazi aumentandone la capienza.

Alcuni interventi sono stati inoltre realizzati per valorizzare il pregio dello stile architettonico della struttura, riportandola, ove possibile, al suo stile originale: per esempio la lucidatura dei marmi e dei pavimenti originali; la posa di serramenti in legno, conformi all’originale; oppure il ripristino e la pulizia della facciata esterna principale.

Infine è stato predisposto un sistema di accesso informatizzato che è in via di completamento.

Per la seconda fase dei lavori verrà predisposto un progetto globale di ristrutturazione dello stabile come previsto nel Piano di Investimenti 2008-2011, presentato da Milanosport e approvato dall’Amministrazione comunale lo scorso gennaio.

L’intervento riguarderà la ristrutturazione, la riqualificazione e il recupero di tutti gli spazi attualmente ancora non utilizzati, oltre al risanamen