PROROGA DEI TERMINI “PREMIO DI LAUREA IN MEMORIA DI GIOVANNI MARRA - ANNO 2014”

Gabinetto del Sindaco

Bando di Concorsi Vari


- Pubblicato sul sito internet il 17/04/2014


Con riferimento al Bando “Premio di Laurea in memoria di Giovanni Marra – anno 2014” pubblicato dal 17 aprile 2014 sino al 4 luglio 2014 al fine di consentire una pi¨ ampia diffusione e conseguente presentazione di ulteriori domande di partecipazione.

AVVISA

che i termini del Bando per la concessione di un Premio di Laurea in memoria di Giovanni Marra per l’anno 2014 sono prorogati a far tempo dal 4 luglio 2014 sino al 19 settembre 2014,

per quanto riguarda i requisiti, i criteri e le modalitÓ di presentazione delle tesi di laurea magistrale o di dottorato si rimanda integralmente al bando pubblicato il 17 aprile 2014, allegato parte integrante.

Copia integrale del presente avviso di proroga Ŕ pubblicato all’Albo Pretorio on line del Comune di Milano e sul sito del Comune di Milano: www.comune.milano.it - Servizi on line – Area Bandi. Per ulteriori informazioni Ŕ possibile contattare il Servizio Affari Legali, Nomine e Incarichi – Gabinetto del Sindaco (Responsabile del procedimento - Avv. Alessandra Modrone) - Palazzo Marino, Piazza Scala 2 – 2░ piano – 20121 Milano – tel. 02 88450364 – fax 02 88450351 – (dal lunedý al venerdý – dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00).


Milano, 4 luglio 2014


IL CAPO DI GABINETTO DEL SINDACO
Dott. Maurizio Baruffi




PREMIO DI LAUREA IN MEMORIA DI GIOVANNI MARRA - ANNO 2014
(Prot. 265317/2014)

Per onorare la memoria di Giovanni Marra, Presidente del Consiglio Comunale scomparso prematuramente, l’Amministrazione Comunale di Milano ha promosso l’istituzione, per il triennio 2014 - 2016, di un premio di laurea dell’importo di € 5.000,00, al lordo delle ritenute di legge, da assegnare a giovani laureati o ricercatori presso le UniversitÓ italiane che abbiano elaborato e discusso tesi di laurea magistrale o di dottorato, non compilative, con specifica trattazione di aspetti oggettivi nell’elaborato della tesi e che propongano soluzioni e metodologie innovative con un contributo personale del candidato, riguardanti uno dei temi di seguito indicati:

1. Logiche e strumenti di responsabilitÓ sociale nel settore pubblico
2. Logiche e strumenti di responsabilitÓ sociale nelle organizzazioni di privato sociale
3. Logiche e strumenti di responsabilitÓ sociale nel settore privato
Nell’ambito dei tre temi sopra indicati possono essere presentate tesi svolte anche in ambito internazionale.

Le tesi di laurea o di dottorato dovranno essere state discusse presso le UniversitÓ italiane nel periodo compreso tra il 1░ maggio 2013 ed il 30 aprile 2014 e dovranno pervenire tra il 17 aprile 2014 il 4 luglio 2014; per le tesi inviate a mezzo posta e pervenute oltre tale data farÓ fede il timbro di ricezione postale, a: COMUNE DI MILANO - GABINETTO DEL SINDACO – Servizio Affari Legali, Nomine e Incarichi - Piazza Scala 2 - 20121 MILANO.
Copia integrale del bando Ŕ pubblicata all’Albo Pretorio on line del Comune di Milano e sul sito del Comune di Milano: www.comune.milano.it - Servizi on line – Area Bandi. Il bando Ŕ inoltre disponibile presso il Servizio Affari Legali, Nomine e Incarichi – Gabinetto del Sindaco (Responsabile del procedimento - Avv. Alessandra Modrone) - Palazzo Marino, Piazza Scala 2 – 2░ piano – 20121 Milano – tel. 02 88450364 – fax 02 88450351 – (dal lunedý al venerdý – dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00) e presso la sede dell’Urban Center (Galleria Vittorio Emanuele II).

Milano, 17 aprile 2014



IL CAPO DI GABINETTO
DEL SINDACO
Dott. Maurizio Baruffi


IL DIRETTORE DEL SETTORE
PRESIDENZA C.C.
Avv. Pierangelo Cortesini

Bando integrale:
In allegato Bando integrale BANDO PREMIO MARRA 2014.pdf

Altri allegati:

Aggiudicazione:

Aggiudicazione
Il Premio di Laurea in memoria di Giovanni Marra per l’anno 2014 Ŕ stato assegnato alla seguente tesi:

Luca Cretella e Gian Maria Mazzei del Politecnico di Torino
“RED – Rigenerazione Edifici Dismessi. Ipotesi di un processo che rigeneri edifici pubblici dismessi utilizzandoli come strumento di riattivazione economica, urbana e sociale”.